Categorie
attualità

17 maggio, la Giornata internazionale contro l’omotransfobia

La storia – La Giornata è stata istituita nel 2004 dal Comitato Internazionale per la Giornata contro l’Omofobia e la Transfobia per condannare le discriminazioni che subiscono le persone sulla base del loro orientamento sessuale. E’ datata 2007 la “Risoluzione del Parlamento europeo sull’omofobia in Europa”. Con essa, all’articolo 8, si invitano “tutti gli Stati membri a proporre leggi che superino le discriminazioni subite da coppie dello stesso sesso e chiede alla Commissione di presentare proposte per garantire che il principio del riconoscimento reciproco sia applicato anche in questo settore al fine di garantire la libertà di circolazione per tutte le persone nell’Unione europea senza discriminazioni”.  

 

La Convenzione europea dei diritti dell’uomo vieta qualunque forma di discriminazione dalle autorità pubbliche per qualunque motivo, ma la violazione dei diritti fondamentali dell’uomo nei confronti di lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali è ancora presente. In Italia si registrano 50 casi al giorno di discriminazione e violenza, secondo i numeri del Gay Center, e nell’ultimo anno il dato è aumentato del 9%, anche a causa della pandemia di Covid-19, che ha esposto alcune persone a maggiore violenza domestica da parte di genitori o coinquilini omofobi. 

 

 

L’Italia è tra i pochi Paesi a non avere una legge ad hoc per la violenza contro orientamento sessuale e identità di genere: la Norvegia presentò la prima legge nel 1981 e dal 2020 ha incluso per i reati d’odio anche le persone transgender e i bisessuali, la Francia la introdusse nel 2003, mentre nel Regno Unito il fenomeno ha rilevanza penale nell’ambito dei cosiddetti hate crime.

 

 

Le polemiche – Contro la circolare del ministero dell’Istruzione che in occasione della Giornata internazionale contro l’omotransfobia invita le scuole a organizzare momenti di riflessione con gli studenti si sono schierati Fratelli d’Italia e Lega. “Polemiche inquietanti e tristemente strumentali”, la risposta in una nota di Manuela Ghizzoni, responsabile Pd Istruzione, Università e Ricerca, e Irene Manzi, responsabile Scuola.

 

 

Mattarella: “Rispetto ed uguaglianza non derogabili” – “Questa Giornata internazionale chiede l’attenzione sulle violazioni alla dignità della persona motivate con orientamenti sessuali diversi dal proprio. Occorre educare a una cultura della non discriminazione, per costruire una comunità che metta al bando ogni forma di prevaricazione radicata nel rifiuto delle differenze. Il rispetto dei diritti di ogni persona, l’uguaglianza fra tutti i cittadini, sancita dalla nostra Costituzione e dagli ordinamenti internazionali che abbiamo fatto nostri, non sono derogabili”. Lo afferma il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della Giornata internazionale contro l’omotransfobia.

 

“Solidarietà e responsabilità – prosegue il Capo dello Stato – sono alla base della nostra comune convivenza. Solo la comprensione reciproca può portare alla piena accettazione di tutto ciò che è “altro” da sé e al riconoscimento di ciascuna individualità. Il messaggio di questa giornata è l’invito a rinnovare l’impegno al rispetto dell’altro e delle sue scelte: elementi alla base del vivere collettivo”.

Categorie
attualità

“Ho mollato tutto per un giro del mondo di 2 anni, ma rientro a Verona dopo 5: sono cambiato, non solo fisicamente”

 

Il dream di Marthin Luther King si è trasformato in trip: com’è nata l’idea di mollare tutto?
“Ho iniziato a viaggiare da giovane e ho sempre visto l’idea del giro del mondo come qualcosa di magnifico, magico, ma anche troppo grande per me. Poi mi sono ritrovato a un certo punto della vita in cui, nonostante fosse tutto perfetto, non mi vedevo appagato, non mi vedevo felice. Sapevo che dovevo cambiare qualcosa, non sapevo però da dove iniziare. Così mi sono detto che forse era ora di partire per quel sogno, per quel viaggio che avevo lasciato in un cassetto per un bel po’ di tempo”.

 

Come si è preparato per affrontarlo?
“Faccio sport da sempre, non per particolari esigenze, agonismo o competizioni, ma perché mi fa star bene. Quindi la forma fisica era forse l’ultimo dei problemi da considerare. Mentre sulla preparazione mentale ho lavorato molto, perché una scelta del genere non si fa dall’oggi al domani. Si valuta tutto quello che può succedere nel bene e nel male, anche se poi l’ultima parola spetta sempre alla vita. Quando mi ero deciso a partire, iniziai a vendere e regalare tutto quello che possedevo e questa è stata veramente la spinta mentale più forte. Lo stato economico, non ultimo per importanza, era stato invece la scusa per la quale avevo rimandato. Ma mi accorsi che era solo una scusa: non esiste un bugdet perfetto per un’impresa del genere. Sarei allora partito e avrei trovato un lavoro una volta che ne avessi avuto bisogno e, infatti, così è stato”.

 

Come ha organizzato il viaggio dal punto di vista logistico?
“Ho organizzato veramente pochissimo. Inizialmente ho solo richiesto il visto russo prima di partire e poi tutti gli altri visti Paese per Paese, seguendo un po’ il flusso delle emozioni, i consigli degli altri viaggiatori, valutando il meteo e le stagioni e… eventuali crisi politiche. Non avevo scadenze di tempo e quindi programmavo solo pochi giorni prima: era sufficiente. E’ stato un viaggio prevalentemente low budget, quindi, per la maggior parte, ho dormito in ostelli e sono stato ospitato a casa di gente locale, ho anche dormito in stazioni e panchine, ma sono anche capitate notti in hotel. Quindi direi un po’ di tutto, come anche i trasporti: auto, treni, tanto autobus, navi, moto, aerei”.

 

Cos’ha portato con sé?
“Su questo avevo un’idea che poi si è dimostrata funzionale. Praticamente dall’Italia non ho portato niente, direi. Nessun amuleto, nessun portafortuna, nessun oggetto in particolare. Anche i vestiti, li ho comprati tutti nuovi in giro. Tutte cose un po’ tecniche che asciugavano rapidamente. Ho puntato sulla praticità. In Italia ho voluto di proposito vendere tutto prima di partire, quindi: auto, moto, abiti, televisore, lavatrice. Non ho tenuto nulla, perché sapevo che così facendo non avrei mai trovato la scusa di tornare a casa, se le cose fossero andate male. Non avendo più nulla in Italia e non avendo niente dove mi trovavo, l’unica strada era ripartire da dove mi trovavo. E’ successo così in Thailandia, in Malesia e ha funzionato. Rientro ora perché è ora di tornare”.

 

 

E’ partito dall’Italia nel 2017: a che punto è di questa impresa?
“Sono partito il 30 agosto del 2017 da Verona con un autobus che mi ha portato a Berlino, prima tappa. Fra poche settimane sarò in Italia, credo a metà luglio, più o meno. A quel punto saranno quasi cinque anni consecutivi di viaggio, per un totale di 50 Paesi attraversati. Per la precisione 54″.

 

Come e dove ha affrontato i due anni di Covid in giro per il mondo?
“E’ una parte che mi piace molto del mio viaggio. Sono rimasto bloccato in Malesia per più di un anno, non potevo lasciare il Paese se non per tornare in Italia ed era un’opzione che non era prevista, non volendo tornare a casa. Quindi sono rimasto lì, solo che nel frattempo ho finito i soldi che avevo guadagnato lavorando prima in un ristorante in Thailandia e così ho avuto l’idea di provare a fare del gelato in casa. Lo vendevo al mercato cinese e i cinesi andavano pazzi per questo gelato di frutta, di durian. Dopo meno di tre mesi ho aperto un negozio in un centro commerciale della città di George Town, di fronte a Singapore, e avevo anche due ragazze locali che lavoravano per me. Poi però è arrivato ancora un altro lockdown, hanno chiuso tutto, bar, ristoranti e da lì sono volato in Messico per proseguire il mio viaggio”.

 

Prossima tappa dopo la Bolivia, dove attualmente si trova?
“Mi trovo a Santa Cruz, la città industriale della Bolivia, nel Nord-Est del Paese, e fra pochi giorni volerò in Brasile a San Paolo, per l’ultima tappa del mio viaggio prima di atterrare poi in Europa e muovermi verso l’Italia per il rientro”.
 

Quanto l’aiuta la tecnologia in questo viaggio? In altri tempi sarebbe andata diversamente?
“Sicuramente senza tecnologia il viaggio sarebbe stato diverso, non so dire se meglio o peggio, perché non c’è modo di paragone. Ma senza dubbio la connessione internet ovunque, il gps, le varie mappe sono strumenti utilizzatissimi da tutti viaggiatori con lo zaino in spalla. Poi ci sono tutte le app per prenotare gli alloggi, per cercare lavoro come volontario, per chiedere ospitalità gratuita nelle comunità di viaggiatori, i traduttori di qualsiasi lingua, aprire raccolte fondi, aderire a progetti sociali. E poi ci sono i social che spesso sono stati molto più utili a me che non a chi mi seguiva da casa, perché nei momenti più bui, non solo di noia, ma anche quando hai bisogno di una parola, i social mi hanno aiutato. Persino uno sconosciuto in quei casi può fare la differenza con un messaggio”.

 

Chi o cosa le manca in questo viaggio dell’Italia?
“Dell’Italia potrei dire che mi manca tutto, anche se sapevo a cosa andavo incontro quando sono partito. Non c’è un Paese fotocopia e in primis, sicuramente, mi sono mancati cibo e vino, anche se mangio di tutto. Caffè anche. La veracità della gente, la nostra musica, a volte anche il clima. Mi manca tantissimo il Lago di Garda, dove vivevo prima della partenza, anche se sono originario del Mantovano. E poi mi mancano ovviamente famiglia e amici. Non vedo mio padre e mia madre da cinque anni. Eravamo rimasti d’accordo che se loro non fossero venuti a trovarmi, non ci saremmo rivisti prima, perché io non sarei rientrato per nessun motivo fino alla fine. E così è stato”.

 

Tornerà in Italia un altro Eric?
“Sì, credo che tornerà un altro Eric. Sicuramente fisicamente, perché non ho più i capelli: sono partito che li avevo, adesso non li ho più. E credo di essere cambiato anche dentro. Vedremo che diranno i miei amici su questo, però un viaggio del genere che dura cinque anni non è una vacanza, è una scuola, è una lezione di vita impressionante e sarà interessante vedere come vedrò la mia vecchia vita con questi miei nuovi occhi una volta che sarò a casa. Me lo sono chiesto molto volte. Vedrò molti cambiamenti”.

 

E poi che succederà?
“Sono certo che non resterò in Italia, non la sento come il mio Paese in questo momento e non ho un Paese nel mondo, nonostante nella mia vita ne abbia visitati un’ottantina, dove vorrei vivere per sempre. Quindi l’Italia ci sarà sempre, soprattutto per fare le vacanze un paio di mesi all’anno d’estate, sul Lago di Garda, appunto. Però mi piacerebbe vivere un po’ tra l’America e l’Asia, dopo aver pubblicato il mio libro su questo viaggio”.

 

Qual è stato il momento più bello?
“Difficile rispondere. In cinque anni di momenti belli ne ho avuti molti, fortunamente. Ne ho avuti anche di brutti, ma di più di belli. A quasi un anno di viaggio ho incontrato mio fratello in Sri Lanka, che è venuto a trovarmi ed è stato molto toccante. A due anni dalla partenza mi hanno raggiunto alcuni amici in Thailandia, mentre ero a lavorare in un ristorante. Erano una quindicina e sono volati da me per festeggiare il mio compleanno. L’apertura del negozio di gelato in Malesia è stato un sogno nel sogno e l’acquisto della moto in Messico per arrivare in Costa Rica. Sono un motociclista ma erano 4 anni che non avevo una moto mia: anche quella è stata una grande emozione. E poi la costruzione di un parco a Medellin, in Colombia: praticamente ho aperto una raccolta fondi su Instagram e in una settimana abbiamo costruito un parco giochi per bambini nelle favelas della Comuna 13. L’inaugurazione è stata una cosa spettacolare: vedere tutti quei bambini ridere, saltare, giocare”.

 

Che messaggio lascia ai lettori?
“Dipende un po’ dalle persone e dai momenti. Per quello che ho passato io posso dire che quello che ho fatto è la dimostrazione che tempo e soldi non fermano comunque i sogni che abbiamo. Se vogliamo raggiungerli, scuse non ce ne sono. Io sono partito che avevo quasi 37 anni, una vita perfetta, di quelle che ci si aspetta da un ragazzo della mia età, seppur senza gran risparmi in banca. Quanti soldi servivano per un giro del mondo così? Quanti ne servivano per un giro che doveva durare due anni, in realtà? Perché il budget che avevo considerato mi avrebbe concesso di viaggiare per due anni. Questa è stata davvero la cosa che più mi ha fatto sentire vivo nella vita ed è un’esperienza senza paragoni. Il mio consiglio è semplicemente di provare, di rischiare, di non aver paura di cadere, di sentirsi bambini e come loro, cadere, rialzarsi e tornare a giocare. Abbiamo una sola vita ed è uno spreco non viverla a fondo, a pieno”.

Categorie
attualità

Stramilano, in 55mila al via: il più anziano ha 91 anni

Categorie
attualità

All’italiana “Peppe Pizzeria” di Parigi il premio miglior pizza d’Europa

Categorie
attualità

Giochi e inclusione, arriva la Barbie con l’apparecchio acustico

Il brand continua il suo viaggio nella rappresentazione della diversità e dell’inclusione per mezzo delle bambole, per permettere ai bambini e alle bambine di raccontare le storie che possono osservare nel mondo intorno a loro.

 

Già ora le Fashionistas rappresentano al meglio il tema della diversity & inclusion, offrendo una varietà di tonalità della pelle, colori degli occhi, colori e tipi di capelli e acconciature, forme del corpo, disabilità e mode tra cui scegliere.

 

Nel 2021, otto delle prime dieci bambole più popolari della linea a livello globale rappresentavano delle diversità, ispirando le bambine a raccontare più storie e trovare una bambola che parlasse loro e le rappresentasse. La dottoressa Jen Richardson, un’autorità nel campo dell’audiologia educativa, aggiunge: “Sono onorata di aver lavorato con Barbie nel creare un’accurata riproduzione di una bambola con apparecchi acustici. In qualità di audiologo educativo con oltre 18 anni di esperienza nella difesa della perdita dell’udito, ritengo che vedersi riflessi in una bambola sia di ispirazione per coloro che sperimentano la perdita dell’udito. Sono oltremodo entusiasta che i miei giovani pazienti vedano e giochino con una bambola che somiglia a loro”.

 

 

“Barbie crede fermamente nel potere della rappresentazione e noi, in qualità di linea di bambole più inclusiva del mercato, ci impegniamo a continuare a introdurre bambole con una varietà di tonalità della pelle, forme del corpo e disabilità capaci di riflettere le diversità che i bambini vedono nel mondo che li circonda. È importante che i bambini si vedano riflessi nel prodotto e che allo stesso tempo siano incoraggiati a giocare anche con bambole che non gli assomiglino per aiutarli a capire e celebrare l’importanza dell’inclusione”, commenta Lisa McKnight, vicepresidente esecutivo di Barbie Mattel.

 

 

La doll con apparecchio acustico sarà disponibile a partire da luglio 2022. La gamma di quest’anno include nuove bambole con una varietà di tipi di corpo, tra cui un busto più piccolo, curvy e original, oltre che una nuova bambola con protesi della gamba.

 

Nel 2020 era stata lanciata una bambola con vitiligine e negli Stati Uniti questo prodotto era stato uno dei primi cinque best seller della linea. Ora arriva anche Ken con vitiligine.

Categorie
attualità

Le Barbie diventano sempre più inclusive: ecco quella Fashion Doll con l’apparecchio acustico

Categorie
attualità

Giappone, due mango battuti all’asta per 3.650 euro

Secondo la Federazione locale degli agricoltori la stagione della raccolta dei mango premium dovrebbe registrare il suo picco tra fine aprile e inizio giugno.

 

Il rappresentante della cooperativa JA Miyazaki che ha organizzato l’asta, Tomohiro Ishikawa, ha sottolineato gli sforzi dei coltivatori locali nel garantire l’eccellente qualità dei frutti nonostante gli alti prezzi per l’approvvigionamento delle materie prime.

 

Ti potrebbe interessare anche:

Categorie
attualità

Sdraiarsi in una bara in Thailandia… allunga la vita: ecco come

Categorie
attualità

Il maestro Nicola Fiasconaro in visita da Papa Francesco: in dono la Colomba della Pace con i colori dell’Ucraina

Categorie
attualità

“Giochiamo”, la campagna per stimolare l’immaginazione degli adulti durante il gioco con i più piccoli

La campagna – La campagna prevede la creazione di un sito web dedicato dove trovare consigli pratici e suggerimenti inseriti in una guida da scaricare gratuitamente. Il portale ospita un’ampia varietà di contenuti: video gratuiti, tra cui facili tutorial da seguire e strumenti dedicati alle famiglie. Tra questi, il manuale gratuito di 22 pagine “La Guida”, che include una serie di scenari di gioco (a tema Principesse Disney, Frozen, Topolino, Cars, Star Wars e Spider-Man), creati da esperti di genitorialità e da maestri del palcoscenico per ispirare adulti e bambini a usare l’immaginazione.

 

Lo studio – Cinquemila adulti in tutta Europa (con figli minori di 12 anni) sono stati intervistati in merito al proprio comportamento e approccio durante il gioco: nonostante l’80% in Italia riconosca l’importanza del gioco nello sviluppo di un bambino, circa il 65% afferma che la vita familiare sia troppo piena di impegni e il 40% di loro ritiene di non avere tempo per i momenti di gioco insieme ai propri figli. Mentre l’80% dei genitori conferma che i propri figli siano più felici quando giocano insieme a loro, circa un terzo afferma di non sentirsi ispirata e di essere spaesata quando deve pensare a modi in cui giocare. Inoltre, più del 40% fa fatica a trovare spunti utili.

 

“Non è una sorpresa che il gioco e l’immaginazione vadano di pari passo, quindi siamo entusiasti di collaborare con Disney per l’iniziativa ‘Giochiamo’. Con questo progetto possiamo ispirare e sottolineare l’importanza dell’immaginazione durante i momenti di gioco attraverso le storie e i Personaggi Disney. La nostra filosofia è di aiutare i giovani, e anche gli adulti, a sviluppare maggiormente la loro capacità di creare e inventare, e crediamo che trovare il tempo per far lavorare la nostra immaginazione sia essenziale. Uno dei modi migliori e più semplici per farlo è attraverso il divertimento, semplicemente giocando”, ha affermato l’Institute of Imagination.
 

“Sappiamo che i momenti di gioco condivisi tra adulti e bambini possono essere un’esperienza davvero speciale e vogliamo supportare le famiglie attraverso l’iniziativa Disney ‘Giochiamo’. Speriamo che questa campagna con i nostri personaggi e le nostre storie possa ispirare i genitori e tutti coloro che si occupano dei bambini portando magia e creando esperienze indimenticabili attraverso il gioco”, ha dichiarato Sarah Fox, VP Marketing and Communications, Disney Consumer Products, Games & Publishing EMEA.