Categorie
cronaca

Allarme meduse, ecco le più dolorose: invasione in Italia, dove si rischia di più

Allarme meduse nel Lazio: si tratta di una vera e propria invasione che tocca diverse località, da Santa Marinella a Fregene. La situazione è così critica che spesso i bagnanti sono costretti a scappare fuori dall’acqua per via di punture dolorose, che portano poi a vescicole e bolle. A infestare le spiagge del litorale nord di Roma da un paio di settimane sono soprattutto meduse di piccole e medie dimensioni.

 

 

 

Il momento della giornata in cui accorrono numerose è il primo pomeriggio. “Si tratta della Pelagia noctiluca, sono piccole e rosate: emettono una leggera luce, che si vede di notte, ma sono anche molto dolorose, più di quelle grandi – ha spiegato a Leggo Leonardo Tunesi, responsabile dell’area per tutela della biodiversità marina dell’Ispra -. Fanno parte del placton, vengono trasportate dalle correnti quindi non c’è un motivo specifico per cui vengono a riva: è la massa d’acqua in cui si trovano che le trasporta”. In ogni caso, è strano vederle d’estate, visto che – come specificato dall’esperto – in genere vengono avvistate soprattutto  in primavera e in autunno. 

 

 

 

Dal punto di vista della forma, la Pelagia noctiluca ha 4 filamenti sottili e lunghi, anche 4 metri, che in genere però non si vedono. Ecco perché nella maggior parte dei casi non ci si accorge del rischio. “L’effetto urticante è provocato dal veleno che viene iniettato con il tocco della medusa; poiché questo veleno è di natura proteica, se portato oltre i 65 gradi si denatura e perde la sua dannosità: quindi, appena si viene a contatto con la medusa, è consigliabile mettere sulla parte offesa qualcosa di caldo, come una pietra scura rimasta sotto al sole, in modo da neutralizzare il veleno – ha proseguito l’esperto -. Bisogna però agire rapidamente per evitare che il veleno abbia il tempo di danneggiare i nostri tessuti e bisogna evitare l’uso di pomate cortisoniche, che possono portare danni a livello del nostro derma e quindi brutte cicatrici”.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.