Categorie
cronaca

Olimpia stanca e demotivata, sconfitta 80-74 nel recupero a Treviso

Un’Olimpia Milano stanca e demotivata perde a sorpresa per 80-74 nel recupero a Treviso un match inutile per la classifica, con i milanesi ormai già sicuri del secondo posto, e i Veneto già salvi ma più motivati potendo ancora sperare nei playoff. Sesta sconfitta in campionato in 29 giornate per una AX Armani ancora senza i soliti infortunati Melli e Delaney, e senza i veterani Hines e Rodriguez a riposo con il turn over, con in campo l’oggetto misterioso Trey Kell, fuori da tre mesi per infortunio, alla sua quinta presenza in biancorosso, ovviamente fuori forma e fuori dagli schemi.

 

Treviso parte forte segnando 15 punti in 5 minuti, scatenando le furie dell’ex Ettore Messina (ha vinto uno scudetto con la Benetton Treviso nel 2003), che obbliga i suoi a suon di strilli a concentrarsi maggiormente in difesa trovando punti in attacco dal solito Datome, capitano in assenza di Melli.

 

 

L’AX risale con Bentil e sorpassa a fine quarto sul 18-19 ma la Nutribullet trova un Chillo chirurgico da tre e i folletti Green e Russell preziosi in penetrazione.
La squadra di Nicola (ex giocatore di Messina proprio a Treviso) tiene botta, va all’intervallo sotto di tre sul 29-32, e regge anche nel terzo periodo restando punto a punto con il solito Russell, girando l’ultima boa sul 53-52. Nell’ultimo periodo si spegne l’AX e si accende la Nutribullet che in quattro minuti piazza un break di 13-0 che diventano un 19-5 per il massimo vantaggio sul 72-60, con due siluri di Giordano Bortolani, talento classe 2000 in prestito proprio da Milano.

Che riemerge dal buio con due bombe di Grant e Hall tornando sul 75-70 a tre minuti dalla sirena. Finale con l’Olimpia scarica in difesa (con 51 punti subiti nel secondo tempo) e Treviso che si affida al play Russell, 20 punti, che la chiude con l’ennesimo siluro. Milano resta a quota 46 punti ma la capolista Virtus Bologna a quota 50 era comunque irraggiungibile, per i confronti diretti. L’Olimpia domenica chiuderà la sua stagione sempre in Veneto, giocando un’altra gara inutile per la classifica al Taliercio di Mestre contro la Reyer Venezia alle 20,30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.